Lettori fissi

07 dic 2010




LA FONDAZIONE “BERTI” RICORDA SANTA BARBARA

Cerimonia al Campo degli Eroi di Casciana Terme. Messaggio dell’ammiraglio Pierluigi Rosati, Comandante l’Accademia Navale


CASCIANA TERME - Anche la Fondazione “Berti”, come ogni anno,ha voluto ricordare a Casciana Terme la festività di Santa Barbara. In particolare,dopo la deposizione della tradizionale corona di fiori ai piedi del monumento dedicato agli “Uomini dei mezzi d’assalto” (Teseo Tesei, l’ideatore,Guastavo Stefanini ed Elios Toschi), è stato letto il messaggio dell’Ammiraglio Comandante l’Accademia Navale, Pier Luigi Rosati:” “I monumenti siti nel “Campo degli Eroi”,nel silenzio e nella splendida ed intensa cornice del luogo – scrive – ricordano uomini che hanno affrontato le varie difficoltà sempre a testa alta e con la massima trasparenza ed onestà,pronti a donare la propria vita per i loro ideali trasmettendo quindi un messaggio simile a quello di Santa Barbara”.

“Mi permetto di esprimere questa vicinanza fra entità solo storicamente e socialmente diverse,ma assolutamente permeate dalla medesima concretezza spirituale. Ho vissuto momenti intensi fra voi – conclude – provando emozioni forti e simili a quelle che percepisco tutti gli anni nel giorno della celebrazione della Patrona”.

Nel corso della cerimonia,inoltre, sono state ricordate le parole che, su Il Telegrafo del 4 dicembre 1977,pochi mesi dopo la tragedia del Monte Serra, scrisse il prof. Giuseppe Bruni, per mezzo secolo docente d’inglese in Accademia: “E’ nei giorni di festa che si sente struggente, quasi disumana,la mancanza di chi vorremmo ci stesse vicino. Santa Barbara, giorno di festa in Accademia: ci mancano i trentotto compagni, con i quali avevamo cominciato a vivere insieme. Ci sono mancati giorno per giorno: anche un vuoto fisico quello lasciato da loro. Per riempirlo,ci siamo dovuti stringere,accostarci più vicino, gli uni agli altri e la vicinanza ci ha reso più forti”.

GIAN UGO BERTI

(riproduzione vietata)

Nessun commento:

Posta un commento