Inaugurato a Calci, un nuovo monumento
PER NON DIMENTICARE I “RAGAZZI DEL MONTE SERRA”
Da quel punto, lungo la strada provinciale,si può vedere il faro del Sacrario. Presenti l’amm.Rosati per l’Accademia ed il generale Fort per la 46° Aerobrigata.

CALCI (Pisa) – Anche la Fondazione “Berti” era presente il giorno 3 marzo a Calci (Pisa) alla cerimonia per ricordare il 34° anniversario della tragedia del Monte Serra, in cui perirono 38 allievi del corso “Invicti”,il loro ufficiale accompagnatore e cinque membri del Vega 10 appartenenti alla 46° Aerobrigata di Pisa.
Particolare novità di quest’anno, come ha detto l’ammiraglio Pierluigi Rosati,è stata la presentazione del monumento costruito dall’artista calcisano, Franco Adami, a titolo gratuito in accordo con il Comune,l’Accademia e l’Aerobrigata. Si trova sulla strada provinciale del Lungo Monte Pisano,in località La Gabella nelle adiacenze di via Granucci ed è dedicato ai “Ragazzi del Monte Serra”.
Il motivo di quest’opera lo spiega lo stesso Rosati. La difficoltà logistica a raggiungere la sede del Sacrario sulla vetta della montagna,impone la considerazione di un progressivo distacco dell’evento dalla memoria collettiva. Da qui,due elementi operativi: un monumento che ricordi il sacrificio di giovani della

Marina e dell’Aeronautica Militare, visibile a tutti in ogni momento (la strada di grande scorrimento) e la possibilità,per chi si soffermasse, di vedere la luce del faro sulla cima del Sacrario, alzando appena lo sguardo.
All’inaugurazione oltre all’ammiraglio Rosati ed al generale Stefano Fort,comandante l’Aerobrigata, i Prefetti di Livorno e Pisa, Mannino e De Bonis, il vescovo di Livorno, mons.Simone Giusti, il sindaco di Calci, Bruno Possenti.

GIAN UGO BERTI
(riproduzione vietata)

Commenti

Post popolari in questo blog

Le multinazionali ,i nuovi padroni del mondo

Portella della Ginestra:una strage di stato